Calciatore, attento alle strette di mano
01/03/2016 1351 Visualizzazioni

Calciatore, attento alle strette di mano

Gesto nobile e qualificante sicuramente da incentivare ma dal punto di vista scientifico mostra qualche crepa: quando starnutiamo mettiamo la mano davanti alla bocca.
I virus del raffreddore, presenti nelle microscopiche goccioline di saliva, si trasferiscono sul palmo e da questo possono contagiare un’altra persona.
Quando si è raffreddati bisognerebbe astenersi da questo saluto. Vita da spogliatoio: promiscuità, lavarsi spesso le mani è uno degli strumenti più validi per ridurre i rischi di contagio. Non basta una strofinatina ma maggiore attenzione: acqua e sapone per almeno 30 secondi.
Non c è solo la rinite da freddo (argomento già trattato in un precedente articolo pubblicato nell’angolo degli esperti) a complicare la vita e le performance del calciatore: l’infezione virale più diffusa nella brutta stagione è il raffreddore, starnuti a raffica, naso che cola e narici tappate, cefalea, riduzione delle prestazioni: è bene saperne di più. D’inverno circolano nell’aria come si di un’autostrada impazzita più di 260 specie diverse di rinovirus, forme virali che scatenano il raffreddore.
Il freddo ne facilita la strada, paralizzando le ciglia nasali che difendono e detergono vie aeree. Inutili gli antibiotici, anzi controproducenti perché distruggono i batteri buoni che colonizzano d abitudine le vie aeree.
No all’ autocura, se il muco diventa giallastro o se c è febbre o mal di orecchio rivolgersi al medico per eventuale terapia antibiotica.
Evitare i luoghi affollati e respirare con il naso che grazie alle ciglia allontana più facilmente i virus, in caso di starnuti e colpi di tosse nelle vicinanze è utile soffiarsi naso per allontanare intrusi.
E’ utile utilizzare soluzioni saline a base di acqua di mare per decongestionare le fosse nasali e facilitare il deflusso di muco, evitando i ristagni su cui germi possono proliferare e aprire la strada ad altre infezioni respiratorie come sinusiti e otiti.
Attenti agli spray decongestionanti, possono costituire pratica dopante, alleviano i sintomi ma se si esagera possono causare una rinite da farmaci che diventerebbe cronica, danneggiando la mucosa nasale. Dura in media una settimana, con un paio di giorni di incubazione ( bruciore naso e gola), fase conclamata e contagiosa con starnuti e senso di pienezza nasale, guarigione grazie all’ attivazione del sistema immunitario.
Per facilitare il lavoro delle difese immunitario utile bere thè leggeri, tisane e camomille dolcificate con miele di eucalipto, ben calde: il calore dilata le narici e idrata le mucose delle vie respiratorie che cosi possono contrastare più efficacemente i virus.
Studi pubblicati sui database della Cochrane ( autorità scientifica tra le più rigorose al mondo in termini di controllo di risultati di ricerche cliniche) favoriscono l’ assunzione di zinco che può ridurre sintomi e durata malattia.

Gennaro Gatto
Si laurea in medicina e chirurgia presso la Seconda Università di Napoli nel 2001 con il massimo dei voti e la lode, con tesi sperimentale inerente la riabilitazione in acqua nelle stenosi del rachide. Nel 2006 si specializza in medicina fisica e riabilitazione presso la Seconda Università di Napoli con tesi inerente la riabilitazione senso-motoria in prevenzione delle amputazioni di arto inferiore. Dal 2008 E’dirigente medico dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, per l’ unità operativa di medicina riabilitativa, con riferimento per la riabilitazione sportiva e avvio allo sport per disabilità. E’ parte della Federazione Medico Sportiva Italiana, referente nel progetto nutrizione e salute, collabora a numerosi progetti di ricerca. Membro del comitato tecnico scientifico della scuola regionale dello sport. Portato da un zio all’età di due anni nello stadio Olimpico di Roma affascinato dallo spettacolo offerto si appassiona in tenera età e dedica studio e passione per la conoscenza e lo sviluppo dello sport nella medicina e nella vita.

Potrebbe interessarti anche

Leoni in campo e fuori

Il miele, alimento amico del calciatore

Conosciuto come cibo e nettare degli dei il miele, e ’ ricco di elementi utili all’organismo. Si presenta come un liquido denso e zuccherino ed è il risultato di una

Leoni in campo e fuori

E‘ tutta una questione di autoefficacia

Il coaching, è l’arte di fare emergere il potenziale del cliente attraverso brevi domande e soprattutto attraverso l’ascolto attivo. Le radici del coaching  risalgono alla Maieutica Socratica o l’arte della

Leoni in campo e fuori

Il rispetto si insegna con l’esempio

“Il primo faccia a faccia con Baresi l’ho avuto l’8 settembre 1981 in una gara amichevole. In quella partita mi doveva marcare Battistini… In una circostanza, saltai 3/4 di loro,