Mind and Body -Tra mente e corpo, sguardo e postura-
05/02/2016 882 Visualizzazioni

Mind and Body -Tra mente e corpo, sguardo e postura-

‘’Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore, non è da questi particolari che si giudica un calciatore, un calciatore si giudica dal coraggio…il ragazzo si farà…anche se ha le spalle strette…’’e’ un passaggio del testo de’ ‘la leva calcistica del 68’ famoso successo cantato da Francesco De Gregori.
Son passati molti anni ma se andiamo a leggere fra le righe del testo il messaggio è piu’ che attuale :la storia del calcio è piena di calciatori ‘scartati’ dalle società calcistiche perché hanno ‘le spalle strette’(anche il grande Leo Messi è stato dichiarato non idoneo per via del suo fisico minuto non molti anni fa, cosi’ pure tanti altri campioni).
Se dal problema ‘spalle strette’ è da sempre stato possibile venire fuori grazie alle doti tecniche e programmi di allenamento specifici, meno tollerabile risulta il segnale di un calciatore in campo e in allenamento con una postura dimessa .Un giocatore definito ‘con visione di gioco’ ’con tenuta mentale’ eleva lo sguardo ed è in grado di vedere il campo, sa guardare in alto oltre la propria zolla di terreno trasmette calma e sicurezza ai propri compagni ed elemento non trascurabile dal punto di vita funzionale, eleganza, corre sprecando meno energia rispetto a chi è impegnato a contrarre ed accorciare oltre modo la muscolatura . Un calciatore insicuro lo osserviamo in campo con il capo e il tronco tendenzialmente flessi, non respira bene, trasmette scarsa energia, interagisce meno con la squadra e fa lavorare maggiormente i compagni in campo .
Tipico esame di postura, sguardo, mente e corpo è il calcio di rigore: Nessuno è esente dal calciare male un calcio di rigore, anche i campioni sbagliano, anzi i calciatori top level, rispetto alla media sbagliano i rigori importanti perché li calciano nelle competizioni piu’prestigiose come finali dei campionati del mondo(vedi Roberto Baggio distrutto a terra dopo il rigore calciato fuori nella finale di Pasadena, mondiali di calcio, USA 94).
Marcello Lippi nella finale mondiale 2006 non sceglie per l’ultimo rigore il calciatore che gli assicura il piu’ elevato tasso tecnico ma l’uomo per lui pronto per quel momento, Fabio Grosso.’’ chi io? ‘’la sua espressione quasi incredula…’’si si tu sei l uomo dell’ultimo minuto’’ risponde Lippi (Grosso aveva già fatto goal allo scadere delle lancette in precedenza..) , la porta può sembrare molto piu’ piccola, il portiere un gigante, l’insicuro può non riuscire ad incrociare lo sguardo, può farsi leggere nelle intenzioni, camminare flesso…affrettare il passo, prendersi troppo tempo e non calciare, scivolare in una buca…’ma lui no, parte pieno di energia, sguardo concentrato, calcia sicuro .. e via, una corsa felice, campioni del mondo, campioni del mondo, il calcio è mente, il calcio è corpo.

Gennaro Gatto
Si laurea in medicina e chirurgia presso la Seconda Università di Napoli nel 2001 con il massimo dei voti e la lode, con tesi sperimentale inerente la riabilitazione in acqua nelle stenosi del rachide. Nel 2006 si specializza in medicina fisica e riabilitazione presso la Seconda Università di Napoli con tesi inerente la riabilitazione senso-motoria in prevenzione delle amputazioni di arto inferiore. Dal 2008 E’dirigente medico dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, per l’ unità operativa di medicina riabilitativa, con riferimento per la riabilitazione sportiva e avvio allo sport per disabilità. E’ parte della Federazione Medico Sportiva Italiana, referente nel progetto nutrizione e salute, collabora a numerosi progetti di ricerca. Membro del comitato tecnico scientifico della scuola regionale dello sport. Portato da un zio all’età di due anni nello stadio Olimpico di Roma affascinato dallo spettacolo offerto si appassiona in tenera età e dedica studio e passione per la conoscenza e lo sviluppo dello sport nella medicina e nella vita.

Potrebbe interessarti anche

Leoni in campo e fuori

Prepariamo il match

La preparazione alla partita è una fase fondamentale per arrivare con il giusto equilibrio psico-fisico al fischio d’inizio della gara. In realtà la preparazione attraversa diverse fasi ben precise curate

Leoni in campo e fuori

La cultura della sconfitta – parte 1

Il principio di De Coubertin in cui si afferma la partecipazione come elemento di massima importanza nel praticare una disciplina é in verità assolutamente ignorato nella pratica agonistica e credo

Leoni in campo e fuori

Il miele, alimento amico del calciatore

Conosciuto come cibo e nettare degli dei il miele, e ’ ricco di elementi utili all’organismo. Si presenta come un liquido denso e zuccherino ed è il risultato di una